You seem to be located in <country>

Go to your TENA market site for local information.

Cose da tenere a mente

Una donna anziana abbraccia una donna più giovane – Come imparare ad essere un caregiver

Prepararsi

Naturalmente vorrai offrire al tuo caro un’assistenza adeguata. Per questo, preparare e pianificare diventa indispensabile. Per prima cosa dovrai:
 
  • raccogliere quante più informazioni possibile sulle condizioni del tuo caro;
  • elaborare un piano d’azione;
  • preparare la casa per il tuo caro;
  • organizzare i documenti e le informazioni di contatto;
  • chiedere l’aiuto di altre persone e condividere con loro il tuo carico di lavoro.
 Ecco alcuni consigli su come realizzare tutto questo. Ti aiuteranno a rendere molto più semplice il tuo impegno assistenziale. 
 Informati sulla diagnosi

Cerca di ottenere tutte le informazioni disponibili sull’attuale condizione del tuo caro. Se la persona che accudisci manifesta sintomi che ti preoccupano, parlane con il suo medico e altri professionisti del settore. Chiedi loro che ti spieghino le condizioni del tuo caro.
 
In questo modo, potrai sentirti più sicuro durante lo svolgimento della tua attività assistenziale. Anche la persona di cui ti occupi potrà trarne vantaggio. Con una diagnosi precoce, il tuo caro potrebbe riuscire a conservare la propria autosufficienza ancora per un po’. 
 

La persona di cui ti occupi è incontinente? L’incontinenza urinaria è una condizione comune, indotta da diverse patologie mediche. Impara più cose che puoi al riguardo. Solo così potrai scegliere le soluzioni più adatte e i prodotti migliori per il tuo caro. 

 
Dopo che avrai scoperto tutto il possibile sulla sua condizione, prenderti cura del tuo caro sarà più facile.

Elabora un piano

Pensare al futuro e pianificare l’attività assistenziale è importante. Così facendo potrai organizzare il tuo tempo, evitando di essere sopraffatto dalle incombenze. Organizzandoti, potrai fare in modo che il tuo caro riceva l’assistenza necessaria, come per esempio i farmaci, al momento opportuno.
 
Ti consigliamo di elaborare un piano per il tuo impegno assistenziale. Annota il modo in cui ti prendi cura del tuo caro e specifica le attività da svolgere nelle settimane o nei mesi a venire. In seguito potrai esaminare il piano con la persona di cui ti occupi e con chi potrebbe fornirti un supporto.
 

Per iniziare, scarica il nostro modello di piano assistenziale gratuito (PDF)

Analizza il tuo carico di lavoro

Nascondere i problemi non ti aiuterà, anzi li farà apparire ancora più grandi. Parla, quindi, della situazione del tuo caro con i familiari e gli amici più stretti. Rendili partecipi di tutto il lavoro che il tuo impegno assistenziale comporta. È possibile che qualcuno si offra di aiutarti.
 
La maggior parte delle persone non sa cosa significhi essere un caregiver. I tuoi familiari e amici potrebbero essere stimolati in questo modo a conoscere la tua esperienza. Quante più cose apprenderanno sul buon lavoro che stai facendo, tanto più probabile sarà che ti offrano supporto e consigli pratici. 
 
Non c’è nulla di male nel far sapere di cosa hai bisogno e nel chiedere aiuto. Quando qualcuno ti offre il suo sostegno, non esitare ad accettarlo.
 

Per alcuni consigli utili sul coinvolgimento di familiari e amici nel tuo impegno assistenziale, consulta la sezione Condividere le attività assistenziali.

Prepara l’ambiente domestico

La persona di cui ti prendi cura potrebbe essere allettata o non in grado di reggersi bene in piedi. In entrambi i casi, dovrai rendere la sua/tua casa sicura in modo che il tuo caro si possa muovere senza pericolo o che tu ti possa spostare comodamente mentre te ne occupi. Per facilitare il tuo lavoro, dovresti adattare l’ambiente domestico in modo tale da renderlo il più efficiente possibile.
 
Guarda i consigli su come predisporre la casa nella sezione Sicurezza domestica

Organizza le informazioni importanti

Quando ti prendi cura di qualcuno, è bene essere organizzati. Ti aiuterà a sentirti sicuro di te e pronto per affrontare il futuro.  Tieni le informazioni di contatto e i documenti importanti in un solo posto, in modo da poterli trovare rapidamente. Sarebbe utile che tu preparassi un elenco con le informazioni di contatto di medici, avvocati e farmacie della zona.
 
Il tuo caro ha poca memoria? In tal caso, annota eventuali password (e conservale al sicuro). Prendi nota, inoltre, dei dati di contatto dei suoi amici e familiari.

Chiedi aiuto

Sei un umano, non un robot. E anche se hai molta energia, da solo non potrai fare più di tanto.
 
Se vuoi che il tuo caro riceva la migliore assistenza possibile, trova altre persone che possano darti il cambio. Persone che si possano fare carico delle tue responsabilità quando sei stanco. Loro ti potrebbero aiutare con le spese per la casa, le faccende domestiche e così via, oppure occuparsi del trasporto del tuo caro in occasione delle visite mediche.
 
Naturalmente, condividere l’impegno assistenziale con familiari e amici è l’ideale. Se puoi, però, chiedi anche l’aiuto di professionisti. Considera, per esempio, il ricorso a:
 
  • un’infermiera a domicilio;
  • un’impresa di distribuzione dei pasti a domicilio;
  • un badante che ti aiuti nelle varie attività.
Qualora non fosse possibile, rivolgiti all’amministrazione locale per ottenere l’aiuto di assistenti sociali. 
 
Resta in contatto con associazioni che si occupano di assistenza o gruppi di sostegno, oltre che con organizzazioni o istituzioni sanitarie. Lì troverai sicuramente qualcuno in grado di offrirti l’aiuto di cui hai bisogno. Fai clic qui per visualizzare un elenco delle organizzazioni in questione